Triste perplessità

Il mio figlio ha 3 anni e mezzo. Nato a Torino, cresciuto in Italia, ha frequentato l’asilo nido a Settimo Torinese. Adesso sta andando alla materna, sempre a Settimo – Buonarroti. Oggi, sua madre arrivando per prenderlo un po’ prima del previsto, l’ha trovato accerchiato di un gruppo di bambini più grandi, tra 7 e 9 anni, bersaglio delle diverse cattiverie infantile. L’insegnante non sembrava presente, presa dai suoi pensieri. Il vero problema si è rilevato in macchina quando, lamentato dei dolori al sedere, sua madre a scoperto trace ancora rosse. Tornata, in piena furia, all’insegnate si è scoperto il fatto che il piccolo veniva costantemente picchiato, dai bambini più grandi, anche più volte al giorno.

Da circa due settimane il mio bambino, lamenta il fatto che gioca da solo e che non ha nessun amico. Quelli di noi che lo conoscono possono testimoniare che lui è un bambino molto socievole, fa subito amicizia e si butta volentieri in qualsiasi gioco. Cosa normale a tre anni. Tutto ciò mi fa pensare a molto di peggio, al fatto che magari e stato sottoposto ad altre forme di vessazione.

Il motivo? No lo so.

Reclame
Acest articol a fost publicat în Personale și etichetat , , , , . Pune un semn de carte cu legătura permanentă.

Lasă un răspuns

Completează mai jos detaliile tale sau dă clic pe un icon pentru a te autentifica:

Logo WordPress.com

Comentezi folosind contul tău WordPress.com. Dezautentificare /  Schimbă )

Fotografie Google+

Comentezi folosind contul tău Google+. Dezautentificare /  Schimbă )

Poză Twitter

Comentezi folosind contul tău Twitter. Dezautentificare /  Schimbă )

Fotografie Facebook

Comentezi folosind contul tău Facebook. Dezautentificare /  Schimbă )

Conectare la %s